“Marchi di fabbrica” a Creta e tituli picti di Ercolano: considerazioni socio-economiche