Una lenta progressione verso la costruzione di uno “statuto europeo” delle garanzie difensive?