Il verismo bifronte di Giselda Fojanesi tra toscano e siciliano