Continuità e rinnovamento nell'esercito tardoromano: dallo "Strategikon" ad Eraclio