I prologhi della "Monarchia" tra memoria e utopia