La sicilitudine e lo scrittore. Dialogo con Pietro Barcellona