Pane, politica e consenso nella Palermo del ‘700