"Pir meu cori allegrari" di Stefano Protonotaro: tra filologi interventisti e conservatori