L’universalità della giurisdizione sui crimini internazionali: “dittatura dei virtuosi” o tutela diffusa di valori universali?