"Trilogía sucia de La Habana" di Pedro Juan Gutiérrez: marginalità di uno scrittore dissidente