"Ragazzo", una rilettura