Il corpo (e il cibo) tra tecnica e pratiche sociali