Una citazione di Giovanni Alfredo Cesareo (e la Poesia siciliana sotto gli Svevi) in una recensione di Eugenio Montale