L'asimmetria nei processi autonomistici: una soluzione o un problema? Rileggendo C.D. Tarlton