Una smorfia grottesca dalla Vienna ebraica