Percezione e pensiero. Sulla questione del cominciamento