Tra argenti e ceramiche artisti senza storia