Su l’attitudine di un cieco a poter apprendere ed insegnare: Vincenzo Tedeschi, lettore di logica e metafisica (1786-1858)