L’Europa, l’educazione, il profitto: una preoccupazione fondata?