Sull'uso della filosofia antica nella "theologia" di Pietro Abelardo