Il primato della coscienza e l’identità del giurista cattolico