In margine a una poesia di Alda Merini