L’incontro con l’«altro» nel Beowulf