«Io non giudico, non m’appassiono, non m’interesso». Verga e la delega narrativa