«Che le parole salvino l’immagine». Fotografia e narrazione in Vittorini, Pasolini e Sciascia