«Perché la guerra è verità,la guerra è morte». Due o tre cose sul Sergente di Paolini (e di Rigoni Stern)