Corpi imprigionati, corpi senza prigione. Per un’ontologia del corpo recluso