Corporeità e virtuale come questione di storia della filosofia contemporanea