Ineffabilità e razionalità del pricipio dell’essere e del movimento. Teologia e filosofia nel canto I del Paradiso dantesco