Carl Ortwin Sauer e la geografia culturale statunitense