Sul testo dell'"Euboico" di Dione di Prusa