Un palcoscenico di voci soliste? Il gioco dei personaggi in "Diceria dell’untore"