“La città del pensiero”. Fantasticherie calviniane intorno ai quadri di De Chirico