Cretineria e candore nelle pagine di Leonardo Sciascia