Il rifugio nell'animalità: a proposito di "Trilogía sucia de La Habana" di Pedro Juan Gutiérrez