“Una maschera d’acqua”: le mutevoli forme del narrare nel Siddharta di Puggelli