Gravina, Dante e la veritò della "Commedia"