"Sequenze" e "Duetti per due violini" di Luciano Berio: particolari di una scrittura