Cibo biologico e selezione avversa: la strana coppia