Catania: vecchi arnesi e nuove tecnologie sotto il vulcano