La verità ingiallita nel fototesto della Divina Mimesis