L'attacco al cuore del cinema politico