Dov’è finito il neuroentusiasmo?