Sulla (fantasmatica) filologia di un filologo-letterato, paleo-purista