Due Portali di Giovanni Maria Amato nella Catania del Seicento