La 14. mostra della Biennale di architettura di Venezia è un labirinto denso di buoni propositi. Questa edizione richiama ai fondamentali, quelli che ridefiniscono le regole del gioco dell’architettura contemporanea. Il curatore della mostra ha imposto a tutti i partecipanti le regole di un nuovo gioco. Sono stato attirato, come d’altronde tutti gli altri, nella trappola, nel tranello teso da Koolhaas, il quale simile a “Dedalo, iniziato da Atena a tutte le invenzioni dell’arte e dell’industria”, ha allestito il Padiglione Italia, ai Giardini della Biennale, come un palazzo.

Il filo di Arianna

Latina Vincenzo
2014

Abstract

La 14. mostra della Biennale di architettura di Venezia è un labirinto denso di buoni propositi. Questa edizione richiama ai fondamentali, quelli che ridefiniscono le regole del gioco dell’architettura contemporanea. Il curatore della mostra ha imposto a tutti i partecipanti le regole di un nuovo gioco. Sono stato attirato, come d’altronde tutti gli altri, nella trappola, nel tranello teso da Koolhaas, il quale simile a “Dedalo, iniziato da Atena a tutte le invenzioni dell’arte e dell’industria”, ha allestito il Padiglione Italia, ai Giardini della Biennale, come un palazzo.
biennale ; architettura ; 2014
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.11769/17090
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact