Il modello (non unitario) della prelazione legale