Nel contributo, richiamati i termini del problema delle attività ispettive o di vigilanza a finalità “mista”, si illustra la soluzione data dal legislatore con l’art. 220 disp. att. c.p.p. (dove si prescrive che ove emergano indizi di reato vanno osservate le disposizioni del codice di procedura penale). L’autore aderisce al principio affermato nell’occasione da la Suprema corte secondo cui la citata norma di garanzia opera senz’altro anche in sede di accertamento relativo a reati tributari che prevedono il superamento di una soglia di punibilità.

Controlli fiscali e reati tributari con soglia di punibilità: la Cassazione rimarca i diritti della difesa ex art. 220 disp. att. c.p.p.

RAFARACI, Tommaso
2016

Abstract

Nel contributo, richiamati i termini del problema delle attività ispettive o di vigilanza a finalità “mista”, si illustra la soluzione data dal legislatore con l’art. 220 disp. att. c.p.p. (dove si prescrive che ove emergano indizi di reato vanno osservate le disposizioni del codice di procedura penale). L’autore aderisce al principio affermato nell’occasione da la Suprema corte secondo cui la citata norma di garanzia opera senz’altro anche in sede di accertamento relativo a reati tributari che prevedono il superamento di una soglia di punibilità.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Controlli fiscali 2016.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Dimensione 479.48 kB
Formato Adobe PDF
479.48 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.11769/17321
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact