Il saggio prende in esame i nuclei narrativo-tematici presenti nel XXIII canto dell'Inferno di Dante, vale a dire: la particolare condizione psicologica di Dante personaggio, turbato e atterrito oltre misura; il ruolo di Virgilio nel contenere e indirizzare il turbamento del discepolo; la situazione dell’incontro con i «frati godenti» e con la torma degli ipocriti; la sconvolgente e raccapricciante visione di Càiphas.

«Già mi sentia tutti arricciar li peli / de la paura»: lettura di “Inferno” XXIII

CASTELLI, Rosario
2015

Abstract

Il saggio prende in esame i nuclei narrativo-tematici presenti nel XXIII canto dell'Inferno di Dante, vale a dire: la particolare condizione psicologica di Dante personaggio, turbato e atterrito oltre misura; il ruolo di Virgilio nel contenere e indirizzare il turbamento del discepolo; la situazione dell’incontro con i «frati godenti» e con la torma degli ipocriti; la sconvolgente e raccapricciante visione di Càiphas.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.11769/17945
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact