«Già mi sentia tutti arricciar li peli / de la paura»: lettura di “Inferno” XXIII