Severo Alessandro e l’istituzione del medico di corte: “grossolano anacronismo” o tempestiva mossa politica?